CdA a prova di amministratori attivisti