«Cooperative compliance» con un doppio ostacolo