Cresce il dissenso sulle remunerazioni