Il «fair play» dei gestori nei rapporti con le quotate