Programma CPE

Al fine di mantenere lo status di “certificato” CIA, CCSA, CFSA e CRMA è necessario che il professionista accumuli punti CPE, partecipando costantemente ad attività di approfondimento e aggiornamento nell'ambito dell'Internal Auditing.

L'IIA richiede che i certificati attestino annualmente di aver soddisfatto i requisiti CPE destritti nella CPE Policy (già Administrative Directive No.4.).

La presentazione dei punti CPE avviene tramite la compilazione di un modulo di autocertificazione attraverso il CCMS, a partire dal terzo anno di conseguimento della certificazione.
La documentazione a supporto dell’ottenimento dei punti CPE deve essere conservata per almeno tre anni in quanto l’IIA si riserva il diritto di effettuare controlli a campione.
Per ulteriori informazioni o chiarimenti sullo status delle proprie Certificazioni sul CCMS scrivere a certification@aiiaweb.it.

CPE

CPE at a Glace
Chi deve presentare i CPETutti i detentori di una certificazione che non siano classificati come PENSIONATI  
A partire da quandoPer l’anno di ottenimento della certificazione e per quello successivo il candidato non è tenuto a maturare i CPE. La rendicontazione partirà quindi dal terzo anno
(ad esempio: riconoscimento CIA nel 2017 prima rendicontazione nel 2019).
N.B. per coloro che hanno ottenuto il titolo di CRMA tramite la Professional Experience Recognition sono tenuti a maturare CPE fin dall’anno successivo dell’ottenimento.
A chi devono essere presentatiIl reporting deve essere presentato attraverso il sistema CCMS
Entro quandoEntro il 31 dicembre dell'anno in corso
PeriodicitàTutti i candidati dovranno dichiarare i propri crediti CPE ogni anno.

MANCATA PRESENTAZIONE DEL CPE REPORTING
La mancata presentazione comporta la modifica del proprio stato da "Certificato" a "Inattivo" (status "Inactve - Grace period" sul CCMS). Per riabilitare il proprio stato di "Certificato", è possibile presentare i CPE entro 12 mesi.
Se lo status rimane "Inattivo" per più di 12 mesi, la certificazione viene bloccata. Per le modalità di riattivazione si prega fare riferimento al paragrafo 4.3 della CPE Policy

Categorie

PraticanteCertificato che opera con continuità come internal auditor
Non praticante
Certificato che NON opera con continuità come internal auditor: può dichiararsi certificato ma non praticare la professione. Gode di requisiti CPE ridotti.
PensionatoCertificato che, in quanto pensionato, non opera più come internal auditor. Mantiene la certificazione ma non può praticare la professione. Non è soggetto a CPE reporting.

CPE e attività

Certificazione conseguita CPE richiesti
CIA
  • 40 ore all’anno (se praticante)
  • 20 ore all’anno (se non praticante)
  • 0 ore all’anno (se in pensione)
CCSA, CFSA, CRMA, CGAP
  • 20 ore all’anno (se praticante)
  •  10 ore all’anno (se non praticante)
  • 0 ore all’anno (se in pensione)

Per coloro che possiedono più certificazioni, le ore CPE ottenute per la rendicontazione del CCSA, CFSA e CRMA possono essere utilizzate per la rendicontazione del CIA. Ad esempio, se un certificato CIA e CRMA praticante accumula 40 CPE di formazione in ambito Internal Auditing e Risk Management Assurance, queste ore sono sufficienti a soddisfare i requisiti CPE per entrambe le certificazioni.  

Le attività che danno diritto alle ore CPE sono suddivise nelle seguenti aree tematiche:

  • formazione
  • pubblicazioni
  • traduzioni
  • presentazioni
  • partecipazioni a meeting specifici
  • external quality assessment
  • superamento di esami in ambito auditing e accounting (es.CPA o CA)

N.B.  A partire dal 2018 i certificati dovranno soddisfare il nuovo "The Ethics requirement". Per maggiori informazioni, consulta le FAQS nei link utili. 

 Per consultare la CPE Policy, cliccare qui.

Modulistica

A seguito del passaggio al CCMS, anche i CPE dovranno essere rendicontati accedendo alla piattaforma: sulla parte sinistra dello schermo, selezionando “Complete a Form” e successivamente il tab “New Forms”, scegliere il form corretto tra i Continued Professional Education (CPE) Reporting Form.

 

Riconoscimento

Tutti i detentori di una certificazione sono tenuti ad attribuire in maniera autonoma il numero di CPE per le attività svolte al fine di mantenere la certificazione, tenendo in considerazione la regola: 1 CPE = 50 minuti di attività.

Per valutare la pertinenza di un’attività svolta per maturare CPE, i certificati possono fare riferimento al syllabus degli esami di Certificazione:

CertificationExam Syllabus
CIAhttps://global.theiia.org/certification/CIA-Certification/Pages/Exam-Syllabus.aspx
CCSAhttps://global.theiia.org/certification/CCSA-Certification/Pages/Exam-Syllabus.aspx
CFSAhttps://global.theiia.org/certification/CFSA-Certification/Pages/Exam-Syllabus.aspx
CRMAhttps://global.theiia.org/certification/crma-certification/Pages/Exam-Syllabus.aspx

Per supportare i certificati nella fase di autovalutazione delle attività, AIIA ha creato un gruppo di lavoro ad hoc che, sulla base dei criteri condivisi a partire dalla Direttiva sopra citata, esprime un parere circa la pertinenza dei contenuti (di corsi ed eventi AIIA e di corsi interni all'azienda) rispetto al syllabus di riferimento.

La commissione, su base volontaria, è costituita dai seguenti membri:

  • Dott.ssa Manuela Consoli (CCSA)
  • Dott. Daniele Crisci (CIA, CFSA)
  • Dott.ssa Gabriella Fedrighelli (CIA, CRMA)
  • Dott. Luca Pertile (CIA, CFSA, CCSA)
  • Dott. Dario Pessi (CIA, CCSA)
  • Dott. Celestino Spagnuolo (CIA, CRMA)
  • Dott.ssa Giuseppina Tarantini (CIA, CFSA, CCSA)